Ludovic Beier

Le fisarmoniche, la musica, i fisarmonicisti, i gruppi, tutto!
Avatar utente
Viseur
Messaggi: 245
Iscritto il: ven gen 30, 2015 2:08 am

Ludovic Beier

Messaggioda Viseur » sab apr 16, 2016 3:23 pm

Se per caso qualcuno non lo conoscesse :shock: , vi presento Ludovic Beier; probabilmente il mio preferito in assoluto...


Avatar utente
MrWolmer
Messaggi: 332
Iscritto il: lun gen 04, 2016 1:36 am

Re: Ludovic Beier

Messaggioda MrWolmer » sab apr 16, 2016 4:13 pm

Lo conosco, ma lui per me è sullo stesso piano di Galliano, a volte riesce a stupirmi, altre volte no.
Vivi come se dovessi morire domani. Impara come se dovessi vivere per sempre.
Gandhi

moreno
Messaggi: 255
Iscritto il: mar apr 21, 2015 4:01 pm

Re: Ludovic Beier

Messaggioda moreno » sab apr 16, 2016 10:20 pm

Condivido pienamente con MrWolmer alias Peter Pan

Avatar utente
Viseur
Messaggi: 245
Iscritto il: ven gen 30, 2015 2:08 am

Re: Ludovic Beier

Messaggioda Viseur » dom apr 17, 2016 3:48 am

Beh visto che lo amate tutti...


Avatar utente
MrWolmer
Messaggi: 332
Iscritto il: lun gen 04, 2016 1:36 am

Re: Ludovic Beier

Messaggioda MrWolmer » dom apr 17, 2016 9:08 am

E' un bravo musicista non c'è che dire, ma molte volte non sopporto il suo approccio molto logorroico a certi brani musicali che io concepisco diversamente, in un contesto molto molto più intimistico. Un brano del genere io lo suonerei più in questo modo che non come fa Beier.



In generale, non mi garba chi propone vagonate di note e quello che dico molte volte per i fisarmonicisti di musica da ballo è valido anche per i fisarmonicisti che si cimentano in altri generi; è un fisarmonicista che mi dice poco ....
Tolti alcuni generi come il bepop e ancor più l'hard bop dove i cromatismi sono di casa (ma senza strafare, vige sempre la legge dell'equilibrio in musica), trovo che oggigiorno si tenti sempre più alla logorroicità in campo improvvisativo e non alla ricerca dell'"eleganza" insita solo nell'approccio di musicisti che amano ancora la ricerca dell'arrangiamento, del suono e del fraseggio.
Comunque, in questo brano le cose vanno già meglio, ma quando suona manouche non mi piace per niente.
Quando vedo musicisti che suonano così, Viseur, credimi, volendo fare una metafora, è come quando vai a letto con le donne, il sesso lo puoi fare con qualsiasi donna ma l'amore lo fai solo con la tua donna. Ed il modo di suonare di Beier, "non è la mia donna" ... è solo "sesso" ;)
Vivi come se dovessi morire domani. Impara come se dovessi vivere per sempre.
Gandhi

Avatar utente
Viseur
Messaggi: 245
Iscritto il: ven gen 30, 2015 2:08 am

Re: Ludovic Beier

Messaggioda Viseur » dom apr 17, 2016 1:00 pm

Capisco cosa intendi per approccio logorroico, spesso il manouche di oggi viene suonato così e non come faceva il buon django...
tuttavia Beier è maestro non solo dei virtuosismi, ma propone anche svariate forme di architetture nelle sue improvvisazioni.
Sempre lui, ma questa volta essenziale e conciso...

Avatar utente
MrWolmer
Messaggi: 332
Iscritto il: lun gen 04, 2016 1:36 am

Re: Ludovic Beier

Messaggioda MrWolmer » dom apr 17, 2016 1:13 pm

Vedo che anche questa volta ci siamo capiti! Questa mi piace!
Vivi come se dovessi morire domani. Impara come se dovessi vivere per sempre.
Gandhi

mauriziofisa
Messaggi: 294
Iscritto il: mar gen 20, 2015 11:02 pm

Re: Ludovic Beier

Messaggioda mauriziofisa » dom apr 17, 2016 1:29 pm

concordo che a volte Beier è un poco eccessivo; ma d'altra parte sfido chiunque tra noi con le sue stesse capacità a non cadere nel logorroico ed esagerato almeno qualche volta.

ricordo una versione di Indifference di Beier solo alla fisa da paura....secondo me uno che può dire tanto nel panorama internazionale.

Avatar utente
MrWolmer
Messaggi: 332
Iscritto il: lun gen 04, 2016 1:36 am

Re: Ludovic Beier

Messaggioda MrWolmer » dom apr 17, 2016 2:52 pm

No Maurizio, qui ti sbagli. E' verissimo che nessuno è perfetto e quindi potrebbero esserci delle serate "storte" nelle quali le nostre performance lascerebbero a desiderare in qualcosa.
Ma suonare con molte note è una precisa scelta fatta da Beier (non in tutte le sue performance) che non può essere classificata come un errore in cui tutti prima o poi incappano. No ... sono scelte precisissime che si possono condividere o meno .... però si rispettano!
Inoltre, come diceva Viseur, è prassi comune di quasi tutti quelli che suonano manouche abbondare con le note; quindi non riguarda solo Beier e tutti gli altri fisarmonicisti ma un po' tutti gli strumentisti.
Io invece sono del parere che si può suonare bene manouche anche non essendo logorroici.
Bada bene però che quest'osservazione non mira a buttare discredito in generale sulla figura di Beier ma tutt'altro, se leggi con attenzione il mio post.
E questo non significa certo misurare il numero di note col "bilancino" del farmacista ma darsi solo dei punti di riferimento di natura formale su come impostare la propria performance.

Saluti.

Mr. Wolmer
Vivi come se dovessi morire domani. Impara come se dovessi vivere per sempre.
Gandhi

Avatar utente
Viseur
Messaggi: 245
Iscritto il: ven gen 30, 2015 2:08 am

Re: Ludovic Beier

Messaggioda Viseur » dom apr 17, 2016 8:43 pm

@Maurizio, purtroppo la versione di Indifference di cui parli è stata rimossa dal canale di Beier; se vi interessa quella versione fa parte di un disco in solo di Beier. Eccezionale a dir poco.
Se posso parafrasare Mikey in Rocky I "Beier mangia fulmini e caca saette!!!". Quando hai una velocità simile alla fine poi la sfrutti anche perchè, per un ascoltatore medio è più facile apprezzare la quantità che la qualità. Tuttavia man mano che passano gli anni, ormai il suo nome è conosciuto a livelli mondiali, suona meno note e mette più cura nella costruzione dei soli (vedi Dinette)... nei primi dischi con Debarre suonava ancora più note, da farti venire le vertigini... ma sicuramente era una sua scelta precisa.
Una cosa è fuori discussione, sarà un artista che farà parlare di se nei prossimi decenni ;)


Torna a “Tutto Sulle Fisarmoniche”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite

cron